Appello per salvare il Kurdistan

Aiutateci ad arrestare questa ondata di terribili violenze, aiutateci a far tornare nelle loro case queste famiglie, aiutateci a ripristinare la pace e la stabilità in Kurdistan!Sono migliaia le persone ancora a rischio. E' un dovere di tutta l'umanità!

KRG

La Rappresentanza in Italia del Governo Regionale del Kurdistan

Read More

1,8 milioni di rifugiati e sfollati

I fondi sono destinati a tutti i rifugiati e gli sfollati senza distinzione etnico – religiosa

Read More

AIUTACI AD AIUTARE

Sostenendoci garantirai la possibilità di rispondere rapidamente e in maniera efficace

Read More

HUMANITARIAN CRISIS AT A GLANCE

2015 UNHCR country operations profile – Iraq HUMANITARIAN CRISIS AT A GLANCE- The escalation of armed conflict across the central governorates of Iraq, and the constantly changing security situation, have resulted in new and secondary movements of internally displaced people (IDPs) across central Iraq and the Kurdistan Region of Iraq (KR-I). UNHCR’s access to some

Il Genocidio dei Curdi Yazidi

Il Consiglio delle Nazioni Unite conclude chiedendo che le autorità dell’autoproclamato Stato islamico siano portate davanti alla Corte Penale Internazionale per rispondere di crimini di guerra e crimini contro l’umanità, in particolare del crimine di genocidio, messo in atto per sterminare la comunità degli yazidi in Iraq. Il Genocidio dei Curdi Yazidi – Il Consiglio

L’Isis stermina le minoranze religiose. “È genocidio”: la condanna del Parlamento Ue

L’Isis stermina le minoranze religiose. “È genocidio”: la condanna del Parlamento Ue – Lo scorso 4 febbraio, gli europarlamentari hanno ratificato la risoluzione 2016/2529 dal titolo “Sullo sterminio sistematico delle minoranze religiose da parte dell’ISIS”, che invita i principali soggetti giuridici mondiali a fornire protezione militare e assistenza ai gruppi particolarmente vulnerabili nel mirino dell’ISIS/Daesh

I cristiani

I cristiani – Il Ministero degli affari religiosi, Direzione Generale per gli Affari cristiani del Governo Regionale del Kurdistan ha dichiarato che migliaia di cristiani hanno lasciato le loro case per rifugiarsi in Kurdistan nel nord dell’Iraq dopo aver abitato quell’area da più di 2.000 anni a causa delle violenze e le persecuzioni perpetrate dai